Tag Archive | romanzo rosa

Sucai tanto da star male

 

Perché quelle urla disgraziate?
Perchè quella busta vuota?
Perché una scia di zucchero che porta ad una scrivania disordinata?

La risposta nelle pagine scure, morbide e gustose del romanzo che ha fatto innamorare dentisti e gastroenterologi di tutta la Scandinavia ed in parte anche quelli del Wyoming.

Tratto da una storia vera di un uomo che è stato il bambino che ora è l’uomo che è stato quel bambino che ora, non sa, non chiede e non mangia.

Annunci

La mia porta è il tuo ingresso

Coinquilini. Si condividono spazi privati e ristretti, abitudini e momenti di vita. Una mano sfiorata mentre si cucina, un lembo di pelle intravisto dalla porta socchiusa della camera da letto, la consapevolezza del corpo nudo sotto l’accappatoio e di un seno sodo sotto la maglia del pigiama.

Qualcosa dentro di lui si muove, e non è solo la cena a base di fagioli. Un’emozione, un desiderio che fa fatica a reprimere. Il respiro leggero di lei al di là della porta chiusa della camera da letto è come un richiamo irresistibile…

Sensuale e romantico, il romanzo di Darla Haway esplora le conturbanti dinamiche di due giovani che condividono una casa e non permetteranno ai loro sentimenti di infrangersi contro una porta chiusa.
Casalinghe state attente, Darla Haway vi farà venir voglia di concupire i vostri mariti stanotte!

Ticket Restaurant

Scandali, soldi, alimenti sono gli ingredienti di questo avvincente romanzo di Preston Trabucchi, che riesce a delineare in modo sorprendente l’alienazione dell’uomo moderno.

Una sordida storia di amori sbagliati e coppie andate a male. Che si sa che dopo un po puzzano, come la ricotta scaduta, ma anche il pesce e gli ospiti.

Ticket Restaurant. Quando l’amore finisce, rimangono gli alimenti. Da maggio sugli scaffali dell’esselunga.

Supponi che sia un pony

Supponi che sia un pony

Le avventure amorose del giovane Tony Sup Pony, un ragazzo che cresce, a volte troppo in fretta a volte troppo lentamente, come alcune piante di Ficus Benjaminus nano. Spiantato, errante di vaso in vaso, cerca una terra che possa dargli patria e patria che possa dargli terra, lui, nato nella città che naviga e affonda, una bella donna, ma vecchia, non lui, la città…
Sup Pony tenta la strada dell’amore e della rivalsa sociale, combattendo i demoni di una civiltà alla rovina, di un’università allo sbando, di una donna e di un uomo, il gondoliere matto.
Un libro, ma anche la tragica storia di tutti noi.

Opera prima di Diego Moriondo, un esordio folgorante e folgorato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: