E vissero tutti felici e contanti

“Mi sono sposato a mia insaputa” Claudio Scajola
“Denuncerò chi ha usato soldi del partito per pagare le nozze albanesi di Renzo” Umberto Bossi

Grande festa alla corte della famiglia Cincia: Allegra convolerà a nozze con il suo fidanzato storico, Richard Clochard.  L’evento agita gli animi in casa Cincia: le sorelle della sposa, Triste e Cosicosì, non stanno più nel botulino; il padre della sposa non sta più dentro le spese.

“E vissero tutti felici e contanti” è un agrodolce affresco delle sobrie cerimonie che contraddistinguono i matrimoni contemporanei, secondo i desideri di ogni sposa: arrivo in elefante cartaginese, qualche leggero decoro floreale con baobab della Namibia nella navata, Benedetto XVI come celebrante, banchetto con dodici primi (ai secondi, nessuno degli ospiti è arrivato vivo), torta di dieci piani con ascensore, in una profusione di pizzi, merletti e intere batterie di pentole in acciaio inox penzolanti dagli abiti degli invitati e coup de théâtre finale con fuochi d’artificio e lancio di uno shuttle su Marte.

Ma non tutto è come sembra, nella famiglia Cincia: Carla DiCredito, abile scribacchina, delinea a poco a poco un finale drammatico per questa favola metropolitana.  Cosa tramano alle spalle della figlia Allegra il signor Cincia e sue figlie minori Triste e Cosìcosì? Quale oscura profezia avrà la meglio sulla famiglia Cincia?

Tra inseguimenti, ammazzacaffè, karaoke, richieste di coordinate bancarie, lanci di giarrettiere, stucchevoli esibizioni di carnalità e concessione anticipata delle proprie virtù (solo e soltanto ai più redditualmente dotati) riusciranno Triste e Cosicosì a sottrarsi della maledizione ricaduta su di loro trovandosi un ricco pollo single da spennare?

Annunci

Tag:

About editoridellamadonna

I libri che meriterebbero di essere scritti e pubblicati. Noi si può, siamo Editori della Madonna

One response to “E vissero tutti felici e contanti”

  1. Pardo says :

    Per gente che si sposa, per gente che non si sposa, per mia madre che ci terrebbe a vedermi maritato e per la cara prozia, che ci terrebbe a dire a tutti, si, anche Pardo è un uomo onesto ora. Per tutte queste persone e per tutte le altre, in maniera qualunquista e populista, Carla DiCredito è autrice fine per gli Editori della Madonna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: